[Recensione] The Siren – Kiera Cass

Titolo: The Siren

Autore: Kiera Cass

Editore: Sperling & Kupfer

Genere: Paranormal Romance

Anno di uscita: 2016

È uscito ieri il nuovo libro di Kiera Cass, l’autrice della saga “The Selection”. Si chiama The Siren ed è il suo romanzo d’esordio rivisitato e fino a ieri inedito in Italia. Come ci si può aspettare dal titolo, le protagoniste sono sirene, ma non le sirene che siamo abituate a vedere in tv con le pinne e il reggiseno a conchiglie, bensì creature bellissime e letali come quelle della mitologia greca, che fanno affogare con il loro canto chi si avventura in mare.

La protagonista di The Siren è Kahlen, una ragazza di diciannove anni, che, durante una traversata in mare con la sua famiglia, viene sorpresa da una violenta tempesta che fa affondare la nave e annegare tutti passeggeri. Ma Kahlen è giovane, piena di vita e tutto ciò che desidera è trovare l’amore e potersi sposare. Sente la chiamata dell’Oceano e, desiderando con tutta se stessa di non morire, viene trasformata in sirena. Le viene quindi data una seconda possibilità, ma in cambio Kahlen deve servire l’Oceano per cento anni, facendoLa nutrire di vittime umane annegate a causa del suo canto, per mantenere l’equilibrio naturale delle cose.

“È come se tu avessi tre vite. Una che non hai idea di come vivere, una con più potere di quanto chiunque possa immaginare e una con un vero senso di te e la capacità di perseguire tutto quello che vuoi.”

Troviamo quindi Kahlen, ottant’anni dopo, con altre tre sirene, con le quali ha un rapporto di sorellanza molto forte. Ma a differenza loro, lei è perseguitata dai fantasmi delle sue vittime. Non è soddisfatta della sua vita e non riesce a trovare uno scopo per il quale andare avanti. Il suo sogno è sempre stato quello di innamorarsi, ma al momento non può farlo essendo di proprietà dell’Oceano. L’unica cosa che può fare è aspettare e resistere altri vent’anni, passati i quali potrà tornare ad essere umana. Ma poi incontra Akinli, un ragazzo carino e gentile, che si interessa a lei e non sembra intimorito dal suo mutismo. Conoscerlo potrebbe essere pericoloso per Kahlen, ad un passo dalla fine della sua condanna. Cosa deciderà di fare quindi? Fino a che punto sarà disposta a rischiare?

“Non avevamo molte regole, ma quelle poche erano perentorie. Rimanere in silenzio in presenza di altri, finché non era il momento di cantare. E quando quel momento arrivava, farlo senza esitazione. In altre circostanze non fare nulla che potesse svelare il segreto. Camminare per la strada era una cosa, e lo stesso stare sedute sotto un albero. Ma questo? Un tentativo di portare avanti una conversazione? Stavo per mettere piede su un terreno molto pericoloso.”

RECENSIONE

“Temi la morte? Temi l’idea dell’oscuro abisso?”… Vi ricorda qualcosa anche se non avete ancora letto il libro? Forse perché non è tratto da The Siren, ma da “I pirati dei caraibi – La maledizione del forziere fantasma”. Iniziando il libro infatti si ha come l’impressione di leggere una storia già conosciuta. In entrambi i casi coloro che stanno per morire in mare, se temono la morte hanno la possibilità di essere salvati mettendo la propria vita al servizio di qualcuno. Poco importa se da un lato abbiamo un tentacoloso Davy Jones o un’entità superiore come l’Oceano. Proseguendo ci spostiamo dai Caraibi, ma non dalla Disney, e troviamo una sirenetta muta desiderosa di innamorarsi e una storia d’amore che, per quanto romantica e interessante possa essere, si sviluppa in meno di 5 giorni.

Se si tralascia questo senso di deja vu iniziale, la storia risulta comunque ben strutturata e mai noiosa e i personaggi hanno caratteri ben definiti. Il più interessante di tutti è senza dubbio l’Oceano, un’essenza non definita praticamente divina, ma con sentimenti e comportamenti del tutto umani. Si presenta come una madre affettuosa e premurosa, che ama in modo incondizionato le sue sirene, ma arriva ad assumere atteggiamenti da fidanzata gelosa e talvolta da tiranno. Ha potere di vita e di morte sulle sue figlie e ne pretende assoluta obbedienza e amore assoluto e unidirezionale. E se da un lato appare come l’antagonista della storia, e il lettore non può non provare irritazione e talvolta odio nei suoi confronti, dall’altra i suoi atteggiamenti sono del tutto motivati dal suo amore e dalla totale solitudine che sta nel suo essere unica.

Un’attenzione particolare è stata poi messa dalla Cass nel descrivere il legame tra sorelle, che fa da elemento centrale del romanzo. Le ragazze sono tutte molto diverse tra loro, c’è la razionale, quella obbediente, quella impulsiva e l’artista; tutte hanno interessi diversi e differenti modi di porsi. E nonostante abbiano i loro momenti di alti e bassi (soprattutto bassi), alla fine ci sono sempre una per l’altra e sono pronte a spalleggiarsi a vicenda, tanto che senza questo loro meraviglioso legame il finale sarebbe ben diverso… ma non dico altro!

Voto:stelle-dopo-di-te

Consigliato: SI

The Siren è un romanzo breve e leggero, che si legge in pochissimo tempo. Il ritmo è incalzante e troviamo dei salti temporali anche molto lunghi, dal momento che Kiera Cass non si perde in chiacchiere inutili in questo libro, ma arriva velocemente al dunque, riuscendo a tenerti attaccato alle pagine. L’unica cosa che avrei voluto fosse stata più sviluppata è sicuramente la storia tra Kahlen e Akinli, che è stata trattata un po’ superficialmente a mio parere. Il voto, forse non molto alto, è dovuto alle alte aspettative che avevo (avendo amato la serie di “The Selection”), e che non sono state del tutto appagate. Infatti più che un libro Young Adult mi è sembrato solo Young e il finale non mi ha soddisfatta del tutto. Consiglio il libro a chi cerca un piacevole passatempo e una lettura per niente impegnativa.

“Nella mia prima vita non avevo mai conosciuto nessuno con cui volessi stare e non avevo la garanzia che avrei trovato qualcuno quando fosse finita la mia condanna. E allora perché, in quel momento, in quel tempo bloccato e inutile, qualcuno doveva farmi sentire così? Non potevo tenerlo. E non potevo neppure essere sicura della profondità dei suoi sentimenti, anche se sentivo che era curioso di me quanto io lo ero di lui. Quello era destinato a essere un disastro. Non potevo rimanere per sempre. Ma forse potevo rimanere un giorno.”

nessie

Annunci

3 pensieri riguardo “[Recensione] The Siren – Kiera Cass

Non tenerti tutto dentro! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...