[Book Tag] Rapid Fire Book Tag

Ciao a tutti! 🙂 L’altro giorno abbiamo notato questo simpatico Book Tag e non avendone mai fatto abbiamo deciso di provare, anche se non siamo state nominate direttamente.

Le regole sono 3:

Rispondere alle domande, citare chi vi ha taggati e poi taggare, taggare e taggare!

E visto che non abbiamo ricevuto tag, passiamo alle domande 🙂


Ebook o Cartaceo?

Nessie: Fino ad un anno fa avrei detto “assolutamente cartaceo!”. Amo sfogliare i libri, sentire il rumore delle pagine e il loro profumo quando li leggi per la prima volta dopo averli acquistati in libreria. Ma da quando ho comprato il mio ebook reader, la comodità di poter avere sempre dietro i libri, anche quelli belli spessi, non ha prezzo; e non è nemmeno così diversa la lettura, come avrei pensato. Quindi forse direi ebook.

Giordka: Cartaceo senza ombra di dubbio! I libri sono oggetti che hanno una vita propria e una loro storia. Non mi piace solo guardare cosa offrono le librerie, ma adoro soprattutto girare per quei banchetti che trovi sotto i portici in centro città che vendono libri usati. Quei libri hanno un passato misterioso e il colore delle pagine e il profumo sono unici. Anche se adoro i libri, intesi come oggetti, uso molto di più il kindle: i libri costano poco, si risparmia sugli alti consumi della carta e, soprattutto, è molto più comodo da portarsi in borsetta quando si va al lavoro. Si sente la differenza quando ti porti dietro il kindle piuttosto che It di Stephen King…ma i libri sono sempre oggetti magici.

Lilli-J: Assolutamente cartaceo, sono pro tecnologia al cento per cento, ma non potrò mai ricevere le stesse sensazioni leggendo un libro su uno schermo piuttosto che sfogliandone le pagine!


Brossura o Rilegato?

Nessie: Rilegato! In un libro cartaceo preferisco l’estetica alla praticità. E se in qualche serie sono arrivata tardi, trovando disponibile solo l’edizione economica, allora tutti i seguiti dovranno essere con copertina flessibile. Solo Brisingr è riuscito a infrangere questa mia regola ed è in versione economica mentre tutti gli altri di Eragon sono rilegati, ma prima o poi risolverò la cosa.

Giordka: Ops, prima di questa domanda non sapevo neanche cosa fosse la rilegatura in brossura. Ora che sono andata ad informarmi per benino posso rispondere che, se posso scegliere, preferirei un libro rilegato ma, ovviamente, dipende anche da quello che trovo in libreria, l’importante è la storia.

Lilli-J: Non mi interessa molto l’estetica di un libro, se il contenuto è appassionante vanno bene tutti i formati!


Shopping online o libreria?

Nessie: Adoro rovistare tra i vari volumi in libreria, ma da un paio d’anni ormai compro online per una questione di maggiore disponibilità ed economicità. Senza contare il numero sempre maggiore di ebook che leggo e che compro più comodamente a casa, seduta sul divano!

Giordka: Tutti e due: se mi capita di passare davanti ad una libreria (ed avere un po’ di tempo libero) ci entro, ma di solito non compro molto, lo faccio giusto perchè mi piace girovagare per La Feltrinelli e guardare nei vari settori cosa offrono. Compro per lo più tramite kindle. Lo trovo più comodo perchè, dopo aver finito un volume ho bisogno di trovarne un’altro SUBITO (se non ho qualcosa da leggere in treno non saprei che altro fare)…e l’online mi aiuta a cercare quello che fa per me.

Lilli-J: Libreria sempre e comunque! Amo essere circondata dai libri, perdermi in mezzo agli autori, andare alla ricerca, come una esploratrice dentro alla giungla, di titoli che ho già letto e che ancora devo leggere. C’è qualcosa di magico e romantico nelle librerie, che le rende sicuramente uno dei luoghi in cui ho passato più tempo durante gli anni.


Trilogie o serie?

Nessie: Mi basta che i romanzi abbiano un seguito. Perché non sopporto quando una storia finisce. Il 95% dei libri che leggo sono saghe!

Giordka: mmmm…non si può scegliere “nessuno dei due”? 😀 Ho letto qualche saga (ovviamente passata sotto banco da Nessie), ma la maggioranza dei libri che leggo sono romanzi che non hanno un seguito…e preferisco così.

Lilli-J: Nessuna delle due, amo i libri singoli. Detesto quando gli autori si protraggono per anni a scrivere romanzi su romanzi riguardanti lo stesso argomento. I libri più belli che ho mai letto nella mia vita non durano più di 300 pagine, e in quelle sono riusciti a trasportarmi in un’altra dimensione. Sono quelli i libri che meritano di essere letti.


Eroi o cattivi?

Nessie: Eroi solitamente. Si lo so, sono più noiosi e prevedibili, fanno sempre la cosa giusta, ma che volete farci, ho un debole per loro. Ci sono comunque delle eccezioni, come Roth (Dark Elements) e Bones (Night Huntress), ma diciamo che si possono contare sulle dita di una mano. Sono sempre stata quella che tra Stefan e Demon, sceglie Stefan!

Giordka: Dipende dai libri. In genere, nei libri che leggo, non c’è molta differenza dall’eroe al cattivo…sono tutti personaggi abbastanza controversi e non c’è un vero e proprio antagonista. Gli unici libri che leggo in cui c’è un cattivo, sono i “gialli”… ma i cattivi sono sempre dei serial killer inquietanti e malati di mente, perciò…eroi.

Lilli-J: Dipende dal libro. Solitamente gli antagonisti hanno un background più affascinante, ma ci sono anche molti eroi che meritano davvero questa nomea.


Un libro che vorresti leggessero tutti?

Nessie: L’Ospite (2008) di Stephenie Meyer. Appena uscito mi è stato regalato per il compleanno da un’amica ed stato il mio libro preferito per un sacco di anni. Credo di averlo letto almeno 10 volte, ma probabilmente di più. Nulla a che vedere purtroppo con il film…

Giordka: Mille splendidi soli di Khaled Hosseini. E’ un libro che ha avuto un successo pazzesco qualche anno fa e un’amica me l’ha prestato presentandomelo come un libro eccezionale. La ringrazio ancora adesso, mi era piaciuto davvero molto, anche se la storia parla della vita di due mogli di uno stesso (violento) marito. Lo consiglio a tutte le connazionali: per ricordarci di quanto siamo fortunate ad essere nate in un luogo stupendo qual è l’Italia.

Lilli-J: Sicuramente l’Alchimista di Paulo Coelho, che ha stravolto il mio mondo e mi ha lasciato addosso per giorni una sensazione di pace e malinconia.


L’ultimo libro letto?

Nessie: La Quinta Onda (2014) di Rick Yancey, il primo libro di una trilogia distopica e apocalittica, dove l’umanità viene sterminata da un’invasione aliena (a breve pubblicherò la recensione).

Giordka: Il Diario di Mr. Darcy di Amanda Grange, di cui ho pubblicato la recensione pochi giorni fa (per leggere la recensione schiaccia qui).

Lilli-J: Alta Fedeltà di Nick Hornby, romanzo inglese, divenuto cult durante gli anni ’90.


L’ultimo libro acquistato?

Nessie: Se si intende libro cartaceo, The Siren (2016) di Kiera Cass ( leggi la recensione qui).

Giordka: Il profumo delle foglie di tè, di Dinah Jefferies.

Lilli-J: Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry.


La cosa più strana usata come segnalibro?

Nessie: Fin da piccola avevo l’hobby di collezionare segnalibri (eh ognuno ha il suo 😛 ) quindi non ho mai avuto bisogno di usare cose strane. Forse la cosa più strana è stato un biglietto del cinema… non così strano in effetti!

Giordka: rametti o piante o fiorellini. Non lo facevo spesso, ma comunque mi piaceva schiacciare le piante tra le pagine dei libri per poi incorniciarli…ma fino al fatidico momento venivano usati come segnalibri.

Lilli-J: Una carta del gioco di carte dei Pokèmon(Il mio amato Cubone ovviamente!)


Libri usati o no?

Nessie: No i libri mi piacciono nuovi. Li curo in modo maniacale in effetti e non potrei mai comprarlo usato e con la copertina magari un po’ rovinata.

Giordka: assolutamente siiiii!!! Adoro i banchetti che vendono libri usati! A mio padre avevo regalato, per un Natale di qualche anno fa, dei numeri di una rivista francese datati 1746! Ovviamente non erano perfetti… anzi, erano abbastanza malandati, ma sapere che quei libri hanno più di 200 anni mi emoziona moltissimo!!! Sono libri con una storia tutta loro e sono unici! Comunque so cosa NON dovrò mai regalare a Nessie ^_^

Lilli-J: Purtroppo in Italia non è una cosa che va tanto di moda, ma ho comprato dei libri fantastici a pochissimo prezzo nei negozietti di usato a Londra, e c’era da perdercisi!


Il nome dei primi tre libri che ti vengono in mente:

Nessie: La serie di Shadowhunters di Cassandra Clare, la serie Awakening (Starcrossed, Dreamless e Goddess) di Josephine Angelini e la serie del Mondo Emerso di Licia Troisi. Certo sono tipo 18 libri e non 3 ma sorvoliamo 😆

Giordka: Memorie di una Geisha di Arthur Golden, Nella notte un grido di Mary Higgins Clark (che non si trova da nessuna parte ma è bellissimo se vi piacciono i thriller!), La Signora delle Camelie di Alexandre Dumas.

Lilli-J: Stargirl di Jerry Spinelli, Memorie di una Geisha di Arthur Golden, Monster di Chuck Palahniuk.


Un libro che ti ha fatto ridere e piangere allo stesso tempo?

Nessie: Io prima di te (2012) di Jojo Moyes. Ero sull’autobus mentre leggevo il finale e dovevo interrompermi ogni riga per evitare di scoppiare in lacrime in mezzo agli altri pendolari. Ma Lou e Will sono riusciti anche a farmi ridere più di una volta.

Giordka: Non saprei, non mi vengono in mente libri che mi abbiano fatto sia ridere che piangere. Di solito fanno o un effetto o l’altro ma, i primi che mi sono venuti in mente leggendo la domanda, sono stati i libri della serie di Obsidian, di Jennifer Armentrout.

Lilli-J: L’unico libro che mi ha mai fatto realmente ridere nella mia vita è la saga di Georgia Nicholson di Louise Rennison. Al contrario ho pianto per moltissimi libri!


Un film o un telefilm che hai preferito al libro?

Nessie: La serie The Vampire Diaries. Amo il telefilm mentre i libri, per quanto li abbia letti tutti, non mi hanno mai preso allo stesso modo.

Giordka: Idem come Nessie, anche se io mi sono fermata solo al primo volume del Diario del Vampiro (ups). Come ho detto prima, non sono una grande fan nè delle serie, nè delle trilogie. Il telefilm invece mi è piaciuto….e poi…c’è Damon, eddai… 🙂

Lilli-J: L’unica cosa che mi viene in mente è il film d’animazione Alice nel paese delle meraviglie di Walt Disney, che unendo le vicende dei due libri di Lewis Carroll è riuscito a creare un universo unico folle e interessante, forse non più del romanzo, ma meritevole allo stesso livello.


Giudichi un libro dalla copertina?

Nessie: Spesso. Non mi piace leggere la trama dietro perché di solito dice più di quanto vorrei e mi limito solo a qualche riga. Quindi la copertina svolge un ruolo importante nella mia scelta. Anche se in effetti spesso una copertina è bellissima mentre il libro non è niente di che e tantissime altre volte non leggo un libro per un sacco di tempo perché non mi piace la copertina e poi invece scopro che la storia è fantastica.

Giordka: Beh…ho sempre pensato che le prime impressioni, in fin dei conti, fossero importanti, quindi si: se un libro ha una copertina accattivante mi invoglia di più a sceglierlo fra gli altri. Ovviamente, poi, è la trama che mi spinge ad acquistare o meno il libro.

Lilli-J: Assolutamente no, giudico più facilmente un libro dal titolo e spesso come anche succede nei film, alcuni titoli vengono tradotti in maniera indecorosa dall’inglese, facendomi purtroppo passare la voglia di acquistarli.


Ed infine, miei cari, le nominations!

Sperando vi faccia piacere, nominiamo loveisinthebooks, Sara Fabian, booksandtea, Booviepassion, thebookofwritercom … ed invitiamo a farlo chiunque ne abbia voglia! 🙂

Annunci

Non tenerti tutto dentro! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...