[Recensione] L’Eredità dei Re – Eleanor Herman

Titolo: L’Eredità dei Re

Autore: Eleanor Herman

Editore: Harper Collins

Genere: Fantasy Storico

Serie: Stirpe di Dei e di Re #1

Anno di uscita: 2016

Ciao a tutti! 🙂 È da un po’ che non faccio recensioni: le vacanze di Natale sono sempre super impegnative per una allenatrice di sci e sono purtroppo riuscita a leggere un solo libro! Si tratta di L’Eredità dei Re, primo capitolo di una serie di 4 libri, incentrata sulla figura di Alessandro Magno. Non sono solita leggere libri storici (neppure quando sono in parte fantasy), ma questo mi è stato regalato con un Giveway a sorpresa dal blog Libro Fatato, che ringrazio di nuovo tantissimo. Non solo perché mi ha permesso di leggere un libro di un genere diverso, che in altre condizioni probabilmente non avrei letto, ma anche perché non sono mai stata un’amante della storia, eppure con questo libro è riuscita a farmi fare persino delle ricerche, tanto era interessante, per capire fino a che punto le vicende fossero reali. Vediamo ora di cosa parla L’Eredità dei Re.

TRAMA

In un tempo in cui gli dei sono ciechi alle sofferenze degli uomini, gli ultimi demoni infuriano nelle pianure e il male si agita al confine delle terre conosciute, in un tempo in cui le città bruciano e dalle loro ceneri nascono nuovi imperi…

… il giovane ALESSANDRO, erede dei Macedoni, sta per scoprire il ruolo che il destino gli ha assegnato nella conquista del mondo, ma avverte una profonda attrazione nei confronti di una nuova arrivata…

KATARINA deve destreggiarsi tra intrighi ed oscuri segreti di corte e al tempo stesso tenere nascosta la sua missione: uccidere la regina. Ma non ha fatto i conti con il suo primo amore…

JACOB è disposto a tutto per conquistare Katarina, persino a competere con EFESTIONE, un assassino sotto la protezione del principe.

E in un paese lontano, dall’altra parte del mare, ZOFIA, la principessa persiana fidanzata ad Alessandro fin da bambina, è decisa a mutare il proprio destino servendosi dei leggendari Divoratori di spiriti.

Combinando la fantasia con i dettagli della Storia vera, in questo primo romanzo della serie Stirpe di Dei e di Re, Eleanor Herman reinventa il più grande conquistatore che il mondo abbia mai conosciuto: Alessandro Magno.

RECENSIONE

L’Eredità dei Re si svolge nel 340 A.C. ed è una rivisitazione in stile fantasy della storia di Alessandro Magno, il grande conquistatore e stratega che, già in giovane età, riuscì a dominare il territorio più vasto mai esistito fino a quel momento. Ma Alessandro non è il solo protagonista di questo romanzo, che raccoglie le storie di ben sette persone diverse, alcune realmente esistite, altre inventate, che si intrecciano tra di loro. Questi personaggi vengono ripresi da vicino, spogliati della loro importanza storica e della loro fama, a tal punto che vengono chiamati con dei soprannomi, rendendoli molto più umani e ordinari.

Troviamo quindi Alex, un ragazzo gentile e intelligente, nato con occhi di colore diverso e con una cicatrice alla gamba che lo rende zoppo, disturbo che cerca di nascondere con l’allenamento costante. Ha una specie di sesto senso che gli permette di capire le persone a prima vista, vedendo come dei flash della loro vita. Fin dalla nascita è stato istruito ed allenato per diventare un grande re, ma né il padre né il Consiglio gli danno fiducia e questo lo frustra tantissimo. È in cerca di riscatto ed ha un piano preciso su come conseguirlo: vuole andare in cerca della mitica Fonte, che lo curerà rendendolo più forte, permettendogli di ottenere quello che gli spetta.

“Credo che se tornassi vittorioso da quel viaggio, un viaggio pericoloso, che richiede sia coraggio sia intelligenza, mio padre e i suoi consiglieri smetterebbero di trattarmi come un bambino. Arrivo giusto adesso da un incontro del Consiglio, e si sono comportati come se avessi dieci anni. È esasperante. Ho pensato fosse mio dovere rimanere per il bene di Pella, ma come posso essere utile se non mi prendono sul serio?”

Efe è il migliore amico di Alex, con un passato oscuro, ed è stato salvato dalla vita di strada e portato a palazzo tra gli agi della corte. È estremamente leale verso l’amico al quale deve tutto, ma anche orgoglioso, presuntuoso e in cerca di fama. Per aiutare Alex si iscrive al Torneo al quale partecipano i Campioni delle varie regioni, rischiando la vita per poter vincere i soldi che serviranno all’amico per finanziare la ricerca della Fonte. È spesso impulsivo e non è un abile pensatore, per questo facilmente controllabile, ma è anche genuino e trasparente e fa solo quello che ritiene giusto.

Kat è una paesana, orfana e adottata dalla famiglia di Jacob, del quale ha una cotta. Ha una missione importante da svolgere, che la impegna al 100%: vendicare la morte della madre, avvenuta inspiegabilmente per opera della regina Olimpiade. Ma una volta arrivata a Palazzo, sente di avere una strana affinità con Alex, che non riesce a spiegarsi. È una ragazza tenace e decisa, che sa quel che vuole ed è disposta a tutto pur di ottenerla. Ha il potere di capire gli animali, i loro pensieri, ma non lo dice a nessuno, in un periodo in cui la magia è latente e considerata oscura.

“La primissima volta che l’ha vista, contusa e sporca fuori dall’arena, ha capito che era diversa. Ma diversa in positivo, o diversa nel senso di pericolosa? È per questo che l’ha invitata al palazzo: per capire perché una ragazza di villaggio si distinguesse così tanto da chiunque avesse mai incontrato. Ancora non l’ha compreso, però sente di avere con lei un legame che non ha con nessun altro, neppure con Efe. Neppure con sua madre.”

Jacob è il fratellastro di Kat ed è innamorato da sempre di lei, per questo decide di partecipare al Torneo per ottenere i soldi necessari per sposarla e permetterle una vita dignitosa. Non è particolarmente abile nel combattimento, né intelligente, è solo un umile paesanotto, che però farebbe di tutto per amore.

Cyn è la sorellastra di Alex, una specie di amazzone, una combattente, il personaggio più moderno e controverso di tutto il libro. Si sente forte ed intelligente, ma sa che non riuscirà mai ad ottenere ciò che vuole per via del suo essere donna, e non riesce a farsene una ragione. È decisa per questo a cambiare il suo destino, ottenendo il potere vero, quello che la madre prima di morire le aveva svelato, un potere legato alla magia e ottenibile attraverso vie malvagie, che Cyn non si farà scrupoli a percorrere. È consapevole del suo acume e della sua bellezza che sfrutta a danno dei più ingenui.

“Nonostante per tutti gli altri sia una festa, per lei quella serata è un rivoltante promemoria del fatto che Alessandro – con la sua zoppia, l’orrenda cicatrice e gli occhi spaiati – governerà la Macedonia e i territori conquistati. E lei non avrà niente. A parte, forse, il matrimonio con un nobile ubriaco e ottuso col doppio dei suoi anni, seguito da una vita di schiavitù domestica.”

Altri protagonisti sono poi Olimpiade che è la madre di Alex, la regina, che odia la sua vita e il re, ma finge costantemente in nome del potere che gli ha permesso di conquistare e che vuole accrescere. Ha uno strano rapporto con i serpenti, quasi simbiotico ed ha piani malvagi, che hanno a che fare con una profezia, una morte e una resurrezione. E troviamo poi Zofia, la principessa promessa sposa ad Alex, che è innamorata di un soldato della sua Guardia e, decisa a cambiare il suo destino, fugge. Ma scoprirà ben presto che la vita vera è molto diversa da quella che ha conosciuto all’interno delle mura del suo Palazzo.

Voto:4-stelle

Consigliato: SI

L’Eredità dei Re è un romanzo che magistralmente ci trasporta in un’epoca storica antecedente alla nascita di Cristo, con un’attenzione particolare ai dettagli, dall’abbigliamento al cibo, dalle luci agli usi e abitudini dei ricchi. Ho trovato molto interessanti i riferimenti alla mitologia, alle leggende e alla storia che la Herman ha saputo legare alle vicende che invece ha inventato. E il tutto si intreccia in modo così naturale, da spingere il lettore (almeno quello non tanto preparato su questa parte di storia) a fare delle ricerche per capire fino a che punto si è spinta la fantasia dell’autrice.

La scelta di usare diversi protagonisti e di conseguenza di far alternare ogni capitolo un punto di vista diverso, ci rende da una parte onniscienti (anche se non tutto viene svelato subito, ma i pensieri più profondi dei personaggi ci vengono inizialmente tenuti nascosti per aumentare un po’ la suspense) e desiderosi di vedere come si evolveranno le vicende dall’intrecciarsi di tutti i progetti dei protagonisti; ma dall’altra fa un po’ procedere a scatti la narrazione, rendendola frammentata e talvolta lenta.

Mi sento comunque di consigliare questo bellissimo fantasy storico, che ha posto basi solide e i giusti presupposti per dei seguiti emozionanti, dove la parte magica sarà sicuramente in aumento e dove la sete di potere, che motiva le azioni della maggior parte dei personaggi, potrebbe anche creare dei colpi di scena inaspettati.

“Alleati, dice Filippo. Ma lo sono davvero? Dopo anni trascorsi a studiare la storia, Alessandro sa che gli alleati cambiano bandiera con una frequenza allarmante. Molti parenti di suo padre sono stati assassinati. Non da nemici dichiarati, ma da amici intimi. Il potere, a quanto pare, non conosce lealtà, solo tornaconto personale. E soltanto coloro che professano la lealtà – quelli considerati alleati – possono arrivare abbastanza vicini da affondarti una spada nel costato.”


Se L’Eredità dei Re vi ha incuriosito, sicuramente vi farà piacere sapere che il seguito, Impero di Polvere, uscirà il 19 Gennaio (tra meno di una settimana!!), mentre il prequel, La Voce degli Dei, è disponibile gratuitamente in versione epub proprio qua  (io ne ho già approfittato 😀 ). Intanto ecco le trame!!


la voce degli dei

Si avvicina la fine di un’era, e mentre gli dei minacciano orrori senza fine e i re tramano per impadronirsi del potere, una donna custodisce il segreto di un’eredità perduta… A diciannove anni, Ada di Caria vuole sottrarre il trono alla sorella maggiore e per farlo chiede aiuto a Elena, la voce degli dei, il primo vero oracolo a camminare sulla terra da più di trecento anni. La giovane orfana, però, detesta quel dono con tutta se stessa e farebbe qualunque cosa per sbarazzarsene, persino mentire alla sua migliore amica, Myrtale, la Principessa dell’Epiro destinata a sposare Filippo II di Macedonia anche se ama un altro. E poi c’è uno straniero dagli occhi verdi, uno sconosciuto misterioso e bellissimo che ha molto da guadagnare… e forse ancora di più da perdere. Tra gelosie e pene d’amore, torride relazioni e incontri segreti, l’unica certezza è il responso degli dei: o Elena o Myrtale porteranno in grembo il destino della nuova era.

Un prequel intenso e avvincente che traccia l’intricata rete di amori e tradimenti che condurrà alla nascita del più intrepido condottiero del mondo: Alessandro il Grande.

“Più avvincente di Dan Brown.”- The Washinghton Post

“Una saga epica tra mito e storia, fantasy ed avventure. C’è tutto quello che serve per considerarla il nuovo ‘Trono di Spade’.”- Hypable


impero di polvere

Per chi non avesse ancora letto il primo libro: ATTENZIONE SPOILER!

Colonne di fumo si levano dai campi di battaglia della Macedonia, mentre nuovi amori sbocciano e un’antica magia pulsante di rabbia minaccia di ridurre l’impero in polvere.

Dopo aver vinto la sua prima battaglia, il Principe Alessandro lotta per diventare il sovrano di cui il suo regno ha bisogno, ma la differenza tra un re e un tiranno è una linea sottile, che diventa sempre più labile di fronte alle nuove minacce.

Nel frattempo Efestione, caduto in disgrazia per aver ucciso l’uomo sbagliato, deve portare a termine una pericolosa missione in Egitto insieme a Katarina, senza lasciarsi sfuggire il devastante segreto di una profezia che forse la riguarda.

Jacob, intanto, deciso a dimenticare il suo primo amore, ha giurato di eliminare dalla faccia della terra l’antica magia del sangue ed è convinto che Cynane, la principessa sua prigioniera, sia la chiave che consentirà ai Cavalieri esariani di distruggere la Macedonia.

E Zofia, benché in catene, continua a cercare i Divoratori di spiriti anche se prima deve vedersela con i segreti dell’uomo bellissimo – e letale – che l’ha catturata. 

Nel secondo romanzo della serie Stirpe di Dei e di Re, Eleanor Herman reinterpreta uno dei personaggi più affascinanti della storia antica, Alessandro il Grande, la cui vita è stata talmente straordinaria che persino i fatti sembrano frutto della fantasia.


Allora cosa ne pensate? Lo avete già letto? Vi è piaciuto? Inizierete la saga? Ditemi tutto!! 🙂nessie

Annunci

7 pensieri riguardo “[Recensione] L’Eredità dei Re – Eleanor Herman

    1. Ma graziee! 😍 Eh ti capisco anche io ne ho tantissimi che vorrei leggere… ma ho pensato che per una volta potevo anche cambiare genere 😀 L’unica pecca di sto libro è l’essere un pochino lento, quindi devi leggerlo secondo me in un momento in cui hai un po’ di tempo e tranquillità (cosa che non ho fatto io😂)… nessie

      Liked by 1 persona

Non tenerti tutto dentro! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...