Teaser Tuesday #30

Buongiorno a tutti! 🙂 Oggi è martedì, il che significa… Teaser Tuesday!

Le regole sono queste:

  1. Prendi il libro che stai leggendo;
  2. Aprilo ad una pagina a caso;
  3. Condividi un estratto di quella pagina;
  4. Occhio agli spoiler! Assicurati di non dire troppo: non rovinare il piacere della lettura;
  5. Riporta titolo ed autore, così che i lettori possano aggiungere il libro alla loro TBR list se sono rimasti colpiti dal teaser.

Semplice no? E tutti possono partecipare.

Se poi l’estratto vi è piaciuto, cliccando sull’immagine verrete riportati su Goodreads in modo da poter leggere la trama e nel caso aggiungere più velocemente il libro nella Wish List 😉

Ed ecco i nostri Teaser Tuesday!


TEASER TUESDAY DI NESSIE

the glittering court

Da The Glittering Court (The Glittering Court #1) di Richelle Mead (2017)

Si avviò lungo la banchina, e dopo avere fatto qualche respiro profondo mi risolsi a seguirlo. All’inizio mi cedevano le gambe, abituate a lunghe settimane su una nave ondeggiante. La terraferma mi era diventata estranea. Tenni gli occhi fissi sulla schiena di Cedric mentre mettevo un piede davanti all’altro e cercavo di non vedere i curiosi intorno a me. Anche se sapevo di essere seguita da un’intera fila di altre ragazze, mi sentivo sola e vulnerabile. Jasper, dall’altra parte della folla, sembrava a chilometri di distanza. I suoi uomini avevano sgomberato uno spazio nel punto in cui la banchina terminava e ora lanciavano occhiate minacciose a chiunque osasse avvicinarsi di un passo.
Ma ciò non fermava i fischi e gli apprezzamenti. “Ehi, ragazzina, tira un po’ su quella sottana e facci vedere com’è fatto un vero gioiello!”, e “La sirminicana l’hanno portata per noi altri? Quando tocca a me?”, erano soltanto alcuni dei lazzi che ci venivano rivolti. Fui assalita da un impeto d’ira che mi offrì un po’ di calore contro il freddo. La mia rabbia era diretta non solo contro quegli zotici, ma anche contro Jasper. C’erano sicuramente modi migliori per trovarci un marito che non farci sfilare come capi di bestiame, per ripetere le parole di Mira. Tutti gli insegnamenti e il bagaglio culturale che si supponevano destinati a elevare le nostre menti non avevano senso, se poi venivamo esibite in quella terra selvaggia e giudicate soltanto dall’aspetto.
Eppure, era forse diverso da quando mi mettevo in mostra nelle grandi sale da ballo di Osfro? Sarebbe stato sempre questo il destino delle donne?


TEASER TUESDAY DI GIORDKA

la bambina scomparsa

Da La bambina scomparsa di David Bell (2016)

Vi racconto un po’ di cose su mia figlia. Mia figlia è scomparsa, e ci sono stati dei momenti in cui ho pensato che potesse averlo fatto di sua spontanea volontà.  Caitlin era diversa dalla maggior parte dei bambini: non era né immatura, né capricciosa. Non era ingenua. Al contrario, aveva la straordinaria capacità di capire come funzionasse il mondo, come funzionassero le persone. E più di una volta aveva usato quella consapevolezza per imbrogliarmi, ragione per cui spesso – mi vergogno ad ammetterlo – mi sono interrogato sul suo vero ruolo in questa vicenda. Caitlin è sparita quattro anni fa, quando aveva dodici anni. Ma la prima volta in cui mi resi conto di quanto fosse brava a mentire ne aveva solo sei.


TEASER TUESDAY DI LILLI-J

tutta un'altra musica

Da Tutta un’altra musica di Nick Hornby (2009)

Sono molti e diversi gli eventi all’origine dei moti concentrici si diffondono nei continenti: inondazioni e carestie, rivoluzioni, grandi tornei sportivi internazionali. Nel caso specifico, invece, il fatto scatenante fu l’improvviso malore di un solo uomo di mezz’età. In America ed Europa squillarono telefoni di casa, ai quali andarono a rispondere donne attraenti e ancora snelle sulla trentina, sulla quarantina e sulla cinquantina. Mani andarono a bocche, altre telefonate furono fatte, voci caute e sommesse espressero rassicurazioni, Furono prenotati voli, trovati passaporti, annullati impegni. Le mogli e i figli di Tucker Crowe si misero in viaggio per andare a trovarlo. L’idea era stata di Lizzie. Nella vita reale era una giovane donna sentimentale, spesso commossa fino alle lacrime da animali domestici, bambini e commedie romantiche; ma la vita con Tucker non era la vita reale, non da ultimo perchè ce n’era pochissima e il tempo che trascorreva con lui veniva sempre soverchiato dal tempo mai trascorso con lui. Come poteva essere altrimenti? Era una lotta impari. A Lizzie bastava vederlo e sentirlo per farsi stridula e livorosa: non sopportava di udire la propria voce alzarsi di un’ottava quando parlava con lui. Ma quando andò a trovarlo nella stanza d’ospedale, lui dormiva, sedato e inerme, e la rabbia era sparita. Fintanto che lui fosse stato coricato lì, avrebbe potuto essere una figlia riverente e affettuosa. Quando Tucker si svegliò, lei volle assolutamente parlargli con la stessa voce che riservava alle persone cui voleva bene. Le avevano detto che non sarebbe morto, ma il punto non era questo: bisognava cogliere l’attimo. Se nei confronti di Tucker si sentiva più bendisposta del solito, di sicuro anche tutti gli altri provavano lo stesso sentimento. E non potè fare a meno di pensare che lui avrebbe desiderato una specie di riunificazione generale, un tentativo di riunire una famiglia fino ad allora disgregata. Non era colpa sua se non lo conosceva per niente.


Cosa ne pensate? Li avete letti? Vi ispirano? Diteci anche il vostro Teaser nei commenti 🙂

Annunci

13 pensieri riguardo “Teaser Tuesday #30

  1. Sto leggendo l’ebook di Paola Pioletti.
    Zucchero, miele e veleno.
    ” Una lanterna appesa al muro, dai vetri opachi ed ingialliti, di tanto in tanto, si sentiva cigolare per via del vento che spesso soffiava da quelle parti come quella tarda mattina, velata da nubi passeggere.
    A guardar bene, di lui non c’era traccia …..”
    Pagina 1380

    Liked by 1 persona

    1. Bello!! Non sapevo bene cosa aspettarmi, ma poi mi è piaciuto un sacco 🙂 è sia romantico che avventuroso e la prima parte mi ha ricordato un po’ The selection e io amo quando ci sono le competizioni in un libro 😀 Se non sei tanto convinta ho scoperto (magari tu lo sai già) che alla fine è come se fosse autoconclusivo perchè i seguiti parlano della stessa storia da un diverso punto di vista… quindi al massimo se non ti è piaciuto troppo puoi anche non continuare e non resti con troppa curiosità XD Ma è bello fidati 😉

      Liked by 1 persona

Non tenerti tutto dentro! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...