[Recensione] Matrimonio di Convenienza – Felicia Kingsley

Titolo: Matrimonio di Convenienza

Autore: Felicia Kingsley

Editore: Newton Compton Editori

Genere: Romantico Contemporaneo

Anno di uscita: 2016

Ciao a tutti! 🙂 Oggi vi parlerò di un libro che già solo dalla copertina è riuscito ad attrarmi per la sua leggerezza e allegria; e visto che era da un po’ che non leggevo un libro romantico senza alcun influsso magico o sovrannaturale, ho deciso di buttarmici. Il romanzo si chiama Matrimonio di Convenienza della scrittrice italiana Felicia Kingsley e per me è stata davvero una rivelazione! Vediamo di cosa parla 🙂

TRAMA

I soldi non fanno la felicità ma possono cambiarti la vita … 
Come a Jemma, truccatrice teatrale con un debole per i ballerini latino-americani che vive a Londra, in un seminterrato, proprio sotto ai genitori hippy. La nonna le ha lasciato un’enorme eredità, che potrà ottenere solo sposando un uomo di nobile titolo. 
I soldi non fanno la felicità ma possono cambiarti la vita … 
Come ad Ashford, dodicesimo Duca di Burlingham, cresciuto negli agi e nel lusso, rispettabile esponente dell’aristocrazia inglese, ambito da tutte le debuttanti, che scopre di essere sull’orlo della bancarotta e con il rischio di perdere il titolo. 
Così, due persone che mai sarebbero state destinate ad incrociarsi, si trovano a stringere un accordo: un matrimonio d’interesse, per cambiare la propria vita o per salvare quello che si è sempre avuto. 
Ma Jemma è un’estranea nel mondo di Ashford, fatto di formalità, ricevimenti, altezzosi aristocratici e l’odiosa e imprevista suocera, Delphina. 
Ashford, che pensava a tutto meno che a sposarsi, si trova come moglie una persona irritante, poco collaborativa, sempre pronta al conflitto e che non perde occasione per metterlo in imbarazzo. 
La convivenza si fa sempre più complicata quando Jemma incontra Carter, che sembra essere il principe azzurro che ha sempre sognato. 
Se siete abituati alla favola come l’avete sempre conosciuta, questa storia metterà sottosopra tutte le vostre certezze, tra manieri, battute di caccia, amici sociopatici e politicamente scorretti, dischi in vinile e allucinogeni anni ’70. 
… E poi, chi è Portia?

RECENSIONE

Matrimonio di Convenienza racconta la storia di due persone provenienti da ambienti familiari completamente opposti e con caratteri profondamente diversi, che in condizioni normali non si sarebbero mai incontrati, o comunque non avrebbero avuto alcun interesse nel conoscersi. Ma questo libro non parla di una situazione normale, ma di una abbastanza paradossale che farà in modo di legare indissolubilmente i due protagonisti. Lei, una truccatrice squattrinata, per ricevere una enorme eredità dovrà sposare un nobile; e lui, duca in bancarotta, ha bisogno di trovare da qualche parte l’ingente somma necessaria per estinguere i suoi debiti. E questo li porterà verso un matrimonio di puro interesse economico che li metterà a stretto contatto in un’ardua convivenza.

Jemma è una donna indipendente, spontanea e istintiva, con un carattere molto forte: non si fa mettere i piedi in testa da nessuno e vuole sempre avere l’ultima parola. Si sente inadeguata, in un ambiente che ricorda molto quello sette-ottocentesco di Orgoglio e Pregiudizio, dove contano solo le apparenze e il titolo, ma la sua tenacia e la sua decisione le permettono di rimanere se stessa senza farsi scoraggiare da niente e soprattutto da nessuno.

“Certo che mi arrangio, caro Ashford, come sempre d’altronde. È da un pezzo che ho capito che in questa storia il principe azzurro sono io.”

Ashford è un duca, altezzoso, snob e arrogante, convinto di essere importante e superiore a tutti gli altri. La sua educazione lo rende quasi rigido, nel suo essere legato all’etichetta e alle buone maniere (per lo meno quando non è con il suo amico) e per questo si scontra ripetutamente con la spontaneità e la stravaganza di Jemma. Ma anche lui sembra quasi stare stretto nel suo mondo, benchè non lo voglia ammettere, e pur capendone le logiche, sembra stanco della falsità a cui deve sottostare e sfoga la sua frustrazione con la sua eccentrica madre.

“Non sono esagerato, le duchesse-contesse-baronesse, sono tutte così. Le principesse delle favole, che colgono fiori e cantano, non esistono. C’è solo un mucchio di bisbetiche petulanti pronte a fare a gara con altrettante galline come loro: chi è vestita meglio, chi ha dato il gala meglio riuscito, chi sa ballare meglio, chi è più magra…”

Persino il loro rapporto con l’amore è molto diverso: Jemma è un’inguaribile romantica e sogna il principe azzurro, ma non quello con i soldi, bensì quello che le riempirà le giornate di amore; Ashford d’altro canto è più disilluso, dal momento che nel suo mondo tutte le ragazze sembra vogliano solo arrivare al suo patrimonio. Di sicuro mai si sarebbero aspettati un matrimonio del genere, tanto meno con un partner così particolare. Ma chissà che abbattendo un po’ di barriere e di pregiudizi, non si scoprano meno incompatibili del previsto.

“Lo so, chi si ama dovrebbe festeggiare ogni giorno, non solo per i compleanni, gli anniversari e San Valentino, ma io credo nel rosa, credo nel lieto fine, credo nel principe azzurro, credo nella favola.
Credo che quando Alejandro mi vedrà con il mio completino intimo in pizzo trasparente, me lo strapperà con i denti.”

Voto:5-stelle

Consigliato: ASSOLUTAMENTE SI

Matrimonio di Convenienza è un romanzo leggero e brillante, di quelli che sai già come finiranno, ma il percorso verso i ringraziamenti è assolutamente imprevisto e tutto da scoprire, una risata dopo l’altra. È stata una lettura davvero scorrevole e divertente di quelle che non mi capitavano da un po’, che vorresti non finissero mai e che nonostante le sue non poche pagine divori tutto d’uno fiato in un paio di giorni al massimo!

L’attenzione ai personaggi, anche e soprattutto quelli secondari è eccezionale: tutti sono ben delineati e assolutamente realistici, dai genitori hippy di lei (davvero esilaranti), alla madre duchessa e all’amico dongiovanni di lui. E i riferimenti ai vari classici della letteratura (da Shakespeare a Jane Austen) e non solo (è una mia impressione o c’è lo zampino di Lady Gaga all’inizio?) tutti ovviamente in chiave molto ironica, rendono la storia ancora più vera, quasi come fosse una cosa di tutti i giorni, pur sembrando ambientata in un’altra epoca.

Ho apprezzato tanto anche l’alternarsi dei capitoli con i punti di vista sia di Jemma che di Ashford, per godere  delle reazioni di entrambi di fronte all’evolversi di un evento dai risvolti imprevedibili.

Insomma, non so se avete capito, ma l’ho letteralmente adorato! Soprattutto la scena del pub: esilarante!!

E voi l’avete già letto? Spero di avervi incuriosito perché merita davvero 🙂

nessie

 

Annunci

5 pensieri riguardo “[Recensione] Matrimonio di Convenienza – Felicia Kingsley

Non tenerti tutto dentro! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...