#Sharingbooks – Felicità

Buonasera a tutti! 🙂 Eccoci anche questo lunedì a partecipare all’iniziativa del blog Vuoi conoscere un casino?.

L’evento si chiama #sharingbooks e ha l’obiettivo di far conoscere il maggior numero di libri possibile a un pubblico il più vasto possibile. Per un mese, ogni lunedì verrà scelto un tema e tutti i post della settimana dovranno riguardare quell’argomento: dovranno essere scelti tre libri ed almeno una citazione tratta da uno di questi (e legata al topic della settimana). Poi si dovranno taggare tre persone, inserendo l’hashtag dell’evento e il link rimandante al sito organizzatore (che trovate qua  ).

Le tre persone taggate dovranno (se vogliono) a loro volta pubblicare un post con la stessa struttura. In ogni articolo uno dei libri dovrà essere ripreso dal post della persona che vi ha taggato, mentre gli altri due dovrete aggiungerli voi.

L’evento è iniziato lunedì 2 aprile, e terminerà il 29 aprile. Qua potete trovare le scorse puntate con tema amore  e fantasia

Il tema di oggi è: FELICITÀ (lieto fine, ricordi felici, crescita personale, sentimenti positivi…)


Nessie

1. Matrimonio di Convenienza (2016) di Felicia Kingsley. Già la copertina in sè mi ha sempre messo allegria, ma la storia brillante di due persone agli antipodi che si ritrovano a dover collaborare e fingere di stare insieme in vista di un obiettivo comune è davvero esilarante. Tra una risata e l’altra, dovute a battibecchi infiniti e scene imbarazzantissime da mani nei capelli, si arriva poi ad un dolcissimo lieto fine. Qui la mia recensione

“Certo che mi arrangio, caro Ashford, come sempre d’altronde. È da un pezzo che ho capito che in questa storia il principe azzurro sono io.”

2. The Goddess Test (2011) di Aimée Carter. Non è ancora uscito in italiano, ma è un paranormal romance a tema mitologia greca davvero molto carino. Al centro della storia c’è proprio questo test che serve per diventare la moglie di Ade, la nuova Persefone, dopo che questa lo ha lasciato per Adone. Mi è piaciuto moltissimo il misterioso personaggio di Ade, diverso da come la storia ce lo ha fatto conoscere, nient’altro che un ragazzo (certo di qualche migliaio di anni) che ha donato tutta la sua vita al lavoro e che è solo in cerca di un po’ di felicità.

“You will be my wife in name and title only, and I would not ask it of you if it were not necessary for the Underworld to recognize you as its ruler as it recognized Persephone. I do not expect you to love me, Kate. I do not dare hope that you would think of me in any way other than as a friend, and I know I must earn even that much. I understand that this is not your ideal life, and I do not wish to make it more difficult for you than it already is. My only desire is to help you pass these tests.”
[…] “What about love? Don’t you—you know, want someone?” […]
He smiled faintly. “I have been alone for a very long time. To expect anything else in the years to come would be foolish.”

3. La magica medicina (1981) di Roald Dahl. Questa scelta è più legata a ricordi felici: è il primo libro di Roald Dahl che abbia mai letto e che ho poi riletto un milione di volte. Una sorta di iniziazione alla lettura per me. È la storia di un ragazzino che inventa una pozione per vendicarsi della scorbutica nonna che si occupa di lui quando i suoi genitori non ci sono. Divertentissimo e geniale, come tutti i libri di questo scrittore.

«Non mi lascerò certo spaventare da lei» disse piano fra sè. Ma era spaventato. Ed è per questo che voleva farla esplodere e scomparire dalla faccia della terra.
Bè… non proprio scomparire. Però voleva farle prendere un bello spavento.
Molto bene allora. Cosa poteva fare che fosse sconvolgente, mostruoso, scioccante, esplosivo?
Gli sarebbe piaciuto metterle un petardo sotto la poltrona, ma non aveva petardi.
O infilarle un lungo serpente verde giù per la schiena, ma non aveva un lungo serpente verde.
Metterle sei grossi topi neri nella stanza e chiuderle la porta a chiave, ma non aveva sei grossi topi neri.
Mentre se ne stava lì a rimuginare su quell’interessante problema, l’occhio gli cadde sulla bottiglia di medicina marrone della nonna appoggiata alla credenza.


Ed ora nomino:


Vi ricordo che a questa iniziativa partecipano anche altri blog, tra cui questi, se volete andare alla scoperta di nuovi libri 🙂

Ioamoilibrieleserietv 
Chronicles of a bookaholic
Gli Occhi del Lupo
Il mondo di SimiS
L per libro 
Overdose di Libri 


E voi li avete letti questi libri? Quali sono i primi che vi vengono in mente alla parola felicità? 🙂



IMPORTANTE: Siamo iscritte al programma di affiliazione di Amazon. Non è nostra intenzione spingervi in alcun modo a comprare i libri: non è questo l’obiettivo del nostro blog amatoriale. Ma se leggendoci avete trovato qualcosa di interessante e siete intenzionati a comprare il libro, potrete farlo velocemente su Amazon cliccando qui  . In questo modo (senza costi aggiuntivi per voi) riceveremo una piccolissima percentuale che ci aiuterà a portare avanti il blog. Grazie davvero per il sostegno!! 🐳🐳🐳



Annunci

14 pensieri riguardo “#Sharingbooks – Felicità

Lascia un segno della tua visita! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...