[Blog Tour] Il fantasy moderno – Il lascito di Calvin Idol

Buonasera lettori!🐳 Oggi ho il piacere di aprire il Blog Tour dedicato all’uscita del secondo volume del Fantasy Il lascito. La caccia del falco di Calvin Idol, disponibile a partire da oggi nelle librerie online. Per questa occasione vi parlerò del Fantasy moderno.

Il Fantasy occupa un posto speciale nel mio cuore, ma è un genere un po’ di nicchia diciamocelo: c’è chi non potrebbe vivere senza e chi invece lo considera una letteratura per bambini e per nerd. Quanti pregiudizi! Oggi proverò soprattutto ad ampliare un po’ gli orizzonti a queste persone, che sicuramente non sanno quanto è vasto questo mondo e quante possibilità possono avere di trovare il libro giusto tra tutta questa scelta. Per scrivere il post mi sono anche un po’ documentata, spero possiate trovarlo interessante 😉

Fantasy e narrativa fantastica per ragazzi

Sono la stessa cosa? No. Il Fantasy è un genere nato solo recentemente (negli ultimi secoli) e si differenzia sostanzialmente dalle fiabe, che fanno iniziare la loro narrazione con il famoso “C’era una volta, tanto tempo fa in un luogo lontano lontano…”. Il Fantasy è ambientato in un’epoca ben precisa, anche se non necessariamente specificata, in un luogo determinato e con leggi fisiche stabilite. Il fantasy non nasce come genere letterario per ragazzi anche se inizialmente trova in quel target il suo maggiore picco di interesse e per motivi editoriali si è rivolto inevitabilmente a loro, almeno in un primo momento.

Tolkien e l’high fantasy

Il merito della nascita del Fantasy moderno viene attribuita a J.R.R. Tolkien che con Lo hobbit e Il signore degli anelli, uno per ragazzi e l’altro per un pubblico più maturo, va a determinate per la prima volta il genere del Fantasy epico. L’elemento più caratterizzante di questo genere è sicuramente l’apposita creazione di un mondo proprio, sia esso del tutto disgiunto oppure parallelo ed in qualche modo legato al nostro: mondo che il più delle volte viene illustrato in meravigliose mappe allegate al romanzo, e abitato dai popoli più vari e dotati spesso di poteri magici.

Uno dei punti di forza del fantasy moderno è a mio avviso la presenza di un eroe, inizialmente ignaro di tutto e nel quale il lettore può facilmente immedesimarsi, così da dare la sensazione che sia lui stesso a partire all’avventura e alla scoperta di quello lo circonda, dimostrandosi poi l’unico in grado di porre fine alla tipica ed infinita battaglia tra il Bene e il Male, riportando così l’agognata pace.

I generi del Fantasy moderno

Tolkien è diventato sicuramente una grande fonte di ispirazione per gli scrittori successivi che hanno iniziato a sperimentare diverse varianti rispetto al modello che è riuscito a rappresentare l’High fantasy; senza contare che l’incredibile successo che ha avuto, ha permesso la crescita di un diffuso interesse verso questo genere e la creazione di un mercato di massa che offrisse più libertà di scrittura ed immaginazione, grazie alla possibilità di rivolgersi a differenti target.

Sono nate così infinite diramazioni del Fantasy, alcune pure ed altre frutto della contaminazione con altri generi. Di seguito vi mostrerò le più famose e quelle che amo di più leggere!

L’Urban fantasy è sicuramente uno dei miei preferiti, quello che in cui è più facile immaginarsi. Ambientato sulla Terra, dove il sovrannaturale si fonde alla realtà quotidiana e le storie di folklore diventano vere, troviamo un protagonista che di solito entra a conoscenza con questo mondo assieme al lettore e ne viene immediatamente assorbito: per lui tutto cambierà per sempre e si troverà a combattere guerre silenziose, i cui esiti segneranno le sorti dell’umanità, mentre questa resta all’oscuro di tutto. Oltre a quelli tradizionali, vengono toccati anche temi più attuali, tra cui immancabile quello dell’accettazione di se stessi e della riflessione mostro-uomo.

Uno dei generi più diffusi negli ultimi anni è diventato sicuramente il Distopico, il racconto di un futuro più o meno lontano corrotto fino al midollo, dove di solito la società in nome di un bene superiore o di una più elevata moralità e perfezione ha compiuto delle gesta indicibili, spesso nascoste alla massa, creando un mondo di sofferenza e di privazione (di qualsiasi genere, dal cibo ai sentimenti) e dove al di fuori del sistema tutto è ignoto e pericolosissimo. Questo finchè il protagonista non si accorge di quanto tutto sia sbagliato e non si ribella al sistema, scatenando una rivoluzione che termina con la creazione di un nuovo governo, più giusto(?).

Strettamente legato al filone precedente c’è il Post apocalittico, dove in seguito ad un evento naturale devastante o ad una guerra o ad una malattia, il mondo è distrutto, l’umanità è decimata e le risorse molto limitate; senza dimenticare che la parola moralità di solito è ormai priva di significato! La sopravvivenza è sicuramente il tema principale, e non è escluso l’incontro con mutazioni genetiche e l’acquisizione di poteri sovrannaturali.

Un altro genere che gioca con il fattore tempo è l’Ucronico basato sulla premessa che la storia abbia seguito un corso alternativo rispetto a quello reale. Risponde alla domanda “cosa sarebbe successo se…?”. I risvolti ovviamente sono infiniti: la stessa trama può avere elementi paranormali come no, perché già la storia in sé ha del fantastico!

Una branca dell’Ucronico prende il nome di Steampunk, la cui domanda che si pone è “come sarebbe stato il passato se il futuro fosse arrivato prima?”. È usuale in questo caso trovare un passato ottocentesco super tecnologico, dove la magia è combinata all’ingegneria.

Se guardiamo agli sviluppi della tecnologia, non si può non citare il Cyberpunk: in questi romanzi il progresso ingegneristico ha portato un radicale cambiamento della società e troviamo hacker che vivono tra reale e virtuale, ibridi uomo-macchina che lottano per sentirsi normali e si esplora il nuovo concetto di etica morale, strettamente legata alla politica del futuro.

Per quanto riguarda invece le contaminazioni, troviamo il Dark fantasy o Gothic fantasy con influssi horror, dove è facile trovare creature come licantropi e vampiri, ma non solo. Se è il romanticismo che cercate, esiste poi il Paranormal Romance, un ramo dell’Urban fantasy incentrato sulla relazione amorosa tra un umano e un essere sovrannaturale. O ancora un genere di cui si tende ad ignorare l’esistenza è lo Science fantasy, una via di mezzo tra Fantasy e Fantascienza, dove le cose fantastiche assumono un tono di quotidianità, di realismo: è usuale trovare in questo genere la vita su altri pianeti, spesso popolati da creature umanoidi tra le più disparate, e un ruolo importante viene assunto dalla magia che va a sostituire le moderne tecnologie.

Il lascito. La caccia del falco

Dove si va a collocare in tutto questo intricato sistema di generi Il lascito. La caccia del falco?

Abbiamo un’ambientazione, Jotnarheim, tutta da esplorare, magia oscura e guerre da combattere per le sorti del regno: insomma, un nuovo e originale Epic Fantasy che vi porterà a vivere le vicende dei 5 protagonisti, ognuno con il proprio passato e i propri obiettivi, all’interno di un mondo spietato in cui la sopravvivenza non è scontata!


La mia tappa è terminata, ma non dimenticatevi di andare a leggere anche quelle ospitate dagli altri blog nei prossimi giorni!

Mercoledì: I pro e i contro del self-publishing, su Il lettore curioso

Giovedì: I personaggi fantasy e quelli de Il lascito, su Grill Books and Roll

Prossimamente : Recensione de Il lascito. La caccia del Falco, su Il lettore curioso


Qual è il vostro genere fantasy preferito? Vi ispira questo nuovo romanzo di Calvin Idol?nessie



IMPORTANTE: Siamo iscritte al programma di affiliazione di Amazon. Non è nostra intenzione spingervi in alcun modo a comprare i libri: non è questo l’obiettivo del nostro blog amatoriale. Ma se leggendoci avete trovato qualcosa di interessante e siete intenzionati a comprare il libro, potrete farlo velocemente su Amazon cliccando qui  . In questo modo (senza costi aggiuntivi per voi) riceveremo una piccolissima percentuale che ci aiuterà a portare avanti il blog. Grazie davvero per il sostegno!! 🐳🐳🐳



 

11 pensieri riguardo “[Blog Tour] Il fantasy moderno – Il lascito di Calvin Idol

    1. Grazie a te per avermi invitata! Spero di aver soddisfatto le tue aspettative😁
      Sì il post apocalittico è decisamente anche uno dei miei preferiti! Sia per le ambientazioni desolanti e pericolosissime, che per la continua lotta per la sopravvivenza che riesce sempre a trasmetterti un’ansia continua! Sono sempre molto adrenalinici😍

      Piace a 1 persona

  1. Adoro il fantasy. I miei preferiti sono: Howard, Nicholls, Pratchett, King (William, non Stephen), Dever (okay, ha scritto due serie di librogame ambientati nello stesso universo e una serie di LG post-apocalittica, ma è sempre fantasy), Tolkien (lo Hobbit e il Signore degli Anelli), Rowling (Harry Potter) e anche l’ italiano Mauro Longo.

    Piace a 1 persona

Lascia un segno della tua visita! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...