[Recensione] Il gioco della seduzione – Susan Elizabeth Phillips

Buonasera! 🙂 Oggi dopo tanto tempo dalla sua lettura vi riporto la mia esperienza con il primo sport romance in cui mi sia mai imbattuta. Anzi prima di questo non sapevo nemmeno esistesse una categoria specifica per definire questi libri! Insomma, come si può capire dal nome, è un romanzo rosa dove uno dei due è un atleta; e non si può certo negare il fascino dello sportivo no? 😉 Il romanzo in questione è Il gioco della seduzione di Suzan E. Phillips. Vediamo subito di che parla!

Titolo: Il gioco della seduzione

Autore: Suzan Elezabeth Phillips

Editore: Leggereditore

Genere: Sport Romance

Serie: Chicago Stars #1

Anno di uscita: 2012

Link d’acquisto: 

TRAMA

Cosa ci fa una donna che stravede per le scarpe, le borse di alta moda e le acconciature all’ultimo grido, al vertice di una delle aziende più prestigiose della città?
Chicago non è pronta per l’affascinante e capricciosa Phoebe Somerville, tuttavia quando il padre le consegna le redini della squadra di rugby della famiglia, tutti, lei compresa, dovranno farsene una ragione. Lei è un vero tornado, ma è possibile che una semplice donna riesca a creare un tale scompiglio in città?
Nessuno pensa che Phoebe riuscirà a risollevare le sorti della squadra, né tantomeno a far capitolare Dan Calebow, il fascinoso allenatore. Ma si sa che spesso la prima impressione è quella meno affidabile…
Lavorando fianco a fianco, i due comprenderanno che il gioco della seduzione è l’unico per cui vale la pena rischiare tutto, anche a costo di imbattersi in guai molto più seri di quanto abbiano previsto. E che forse è giunto il momento di far cadere quel velo di imperturbabile perfezione dietro il quale entrambi si nascondono.

RECENSIONE

Il gioco della seduzione è uno sport romance incentrato sul football americano e tutto ruota attorno ad esso, sia personaggi che le vicende: ci vengono descritte diverse partite, ma anche le regole, le superstizioni, i rituali, facendoci familiarizzare con un gioco che qua da noi è quasi sconosciuto, se non fosse per qualche telefilm. E se all’inizio, da ignorante del football quale sono, al pari della protagonista, era quasi pesante e complicato, perfino troppo incisivo nella trama, con l’andare avanti è diventato sempre più interessante seguirne gli sviluppi, ed è riuscito davvero ad appassionarmi.

La protagonista è Phoebe, una donna tanto bella quanto snob e odiosa, sempre tutta in tiro e che si diverte a flirtare ed illudere chiunque. Alla morte del padre riceve una sorpresa che cambierà per sempre la sua vita: riceverà l’eredità solo se sarà in grado di gestire la squadra di football in mano da anni alla sua famiglia. E questo la porterà in un ambiente totalmente differente da quello a cui è abituata, al quale testardamente si rifiuterà di piegarsi.

E proprio la cocciutaggine è una sua caratteristica distintiva: si scopre ben presto infatti che in realtà il suo atteggiamento civettuolo è solo una maschera, dietro la quale si nasconde il suo passato di solitudine e di violenza, ma nonostante tutto quello che accade non si decide mai a mostrare la vera se stessa davanti a nessuno. Così se da un lato non si può fare a meno ad un certo punto di avere pietà per lei e tifare per il suo riscatto, dall’altro questa falsità “ad ogni costo” dopo un po’ stanca, rendendoci la protagonista sempre più fastidiosa.

E dal lato maschile non siamo purtroppo messi meglio. Dan è, come dire, particolare. Ex atleta super pompato (descrizione non troppo affascinante a dire la verità, anche se avrebbe dovuto essere il contrario), alterna momenti da Dottor Jeckyll ad altri da Mr Hide: aggressivo e sempre in preda all’ira nel suo lavoro, dolce e premuroso quando meno ce lo aspettiamo. Ha un passato di spregiudicatezza e di feste sfrenate e una ex moglie dai gusti unici; stanco del suo passato, cerca ormai una compagna fedele e seria, con la quale mettere su famiglia e sistemarsi… eppure non si fa scappare la possibilità di qualche avventura extra. Purtroppo non c’è niente di peggio di uno che non sa da che parte stare e nel dubbio tiene il piede in due scarpe. E scegli no?! Senza contare che obbiettivamente un romance con un protagonista maschile che non ti piace nè fisicamente nè caratterialmente parte già in svantaggio!

Sicuramente è un romanzo che ti cattura, che leggi velocemente, e nonostante tutto se il seguito fosse incentrato su loro due lo leggerei anche probabilmente. Però ci ho messo decisamente troppo per affezionarmici e per comprenderli, senza riuscire tuttavia a farmeli piacere del tutto. Ho apprezzato però come due persone completamente opposte, senza alcuna stima verso l’altro, passino in modo credibile dal detestarsi e dal vedere l’altro come un ostacolo, all’esserne attratti, alla comprensione e infine all’amore. Insomma tutta un’altra cosa rispetto agli instalove che spopolano ultimamente!

“In piedi davanti a lui, con addosso quella vecchia camicia blu, Phoebe appariva allo stesso tempo bellissima e fragile e Dan pensò di non aver mai incontrato prima una donna così piena di contraddizioni. Non voleva che lei gli piacesse, ma impedirlo stava diventando sempre più difficile.”

Le scene romantiche sono ben scritte e perfettamente equilibrate rispetto alla narrazione, senza risultare sovrabbondanti né volgari. E il finale da un valore aggiunto all’intera trama: molto emozionante e quasi da thriller, è riuscito a vivacizzare un po’ il tutto in modo molto inaspettato.

Insomma una bella storiella, peccato per i personaggi… forse gli atleti super muscolosi e senza collo non fanno troppo per me!!

Voto:3-5-stelle


Che ne pensate? Qual è la vostra esperienza con gli sport romance? Fatemi sapere 🙂 nessie

 



IMPORTANTE: Siamo iscritte al programma di affiliazione di Amazon. Non è nostra intenzione spingervi in alcun modo a comprare i libri: non è questo l’obiettivo del nostro blog amatoriale. Ma se leggendoci avete trovato qualcosa di interessante e siete intenzionati a comprare il libro, potrete farlo velocemente su Amazon cliccando qui  . In questo modo (senza costi aggiuntivi per voi) riceveremo una piccolissima percentuale che ci aiuterà a portare avanti il blog. Grazie davvero per il sostegno!! 🐳🐳🐳



3 pensieri riguardo “[Recensione] Il gioco della seduzione – Susan Elizabeth Phillips

Lascia un segno della tua visita! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...